lunedì 6 giugno 2011

Le nuove frontiere del feticismo.

 A volte mi chiedo, ma il sesso tradizionale è qualcosa che ancora funziona?
stanno cambiando molte cose riguarda al panorama del sesso? Tipo siamo abituati ad associare la pornografia ad una dimensione genitale, ma se per antonomasia il feticismo è sempre stato un fenomeno dell'erotismo di nicchia, pare che mai come oggi la differenziazione dei generi con tutte le varie sottocategorie e sottocategorie delle stesse prenda il posto di quella tradizionale idea della trasressione più tradizionale fatta direi di orge, tradimenti, scambi di coppia o varianti di queste.
Se si fa un giro su clip4sale, ad esempio e si sfogliano le più di 800 categorie feticistiche rimarrete molto più che sorpresi nel vedere cosa propone quel portale in ambito erotico.
Certamente c'è quello che riteniamo tradizionale, ma anche store che propongono donne che si lavano i capelli che se li asciugano, che si truccano, che fanno i palloncini di bubble gum, che tossiscono, e una varietà immensa di una lista davvero lunghissima da mettere.
Cosa penso di questo?
Beh da una parte il porno classico non è fatica da trovare, volendo genitali al vento si trovano eccome, ma magari un determinato atteggiamento consuetamente non ritenuto erotico, ma interpretato tale da una nicchia che fino a qualche tempo fa non riusciva a dare un nome a questo ora ha la possibilità di trovarlo.
Certamente questo deve essere sempre esistito seppur senza nome, ma penso anche che i reality in questo senso abbiano dato uno slancio al feticismo della quotidianità molto forte, perché riporta la telecamera nella normalità altrui, ovvero in quella che di solito viviamo in casa con altri che conosciamo bene e per ciò poco erotica, ma l'idea della sconosciuta spiata da una telecamera che si pettina i capelli a questo punto forse può risultare più eccitante della propria moglie in autoreggenti? mi sa di sì.

Però date un occhio davvero.

5 commenti:

Kamala ha detto...

a volte i gesti più normali sono i più erotici...proprio questo intendevo nel mio post di oggi...questa ricerca ossessiva verso l'eccesso come unica forma di godimento ci farà riscoprire le semplici pulsioni erotiche....
Se pensiamo per esempio nel passato.....nel romantico ottocento.....quando anche solo un piccolo gesto era causa di estremi turbamenti...
quando penso che una frase ben detta o formulata mi fa bagnare oltremodo....
rifletto....

Ragno ha detto...

Nel 2011 il sesso "classico" è diventato noioso.
E questo è veramente triste...

Gisy ha detto...

Ma non sono d'accordo che sia una cosa triste, l'importante è che non sffori nella patologia, ovvero senza questo requisito non esiste nesun tipo di eccitazione. allora la parafilia è veramente un problema, per il resto può essere anche una arricchimento dal mio punto di vista, anche se davvero per quanto lavori come modella fetish da una vita certi feticismi mi son davvero difficili da capire perché distanti anni luce dal mio immaginario erotico, ma non per questo mi sento di giudicarli...

Kamala ha ragione...se si pensa all'800 quando alcune leziosità banali facevano impazzire gli uomini e creavano quella suspance erotica...alla fine...anche l'attrazione per le gestualità rientra nell'eros...anche quella che non esplicita un'intenzione erotica...

Anonimo ha detto...

Come in tutti gli ambiti della vita la particolarità dell' individuo è messa a dura prova da una conformità di azioni e di pensieri...se però nel sesso si è "individui" unici e speciali non vedo perchè ciò sia sacrificabile in nome di una "convenzionale" sessualità...un pò repressiva.Ma comunque sono d'accordo nel dire che se non è patologia in camera da letto tutto è permesso.Alla faccia di chi vuole a tutti i costi un "uniformità" di azioni o pensieri sessuali "politically correct".
Nyl

cooksappe ha detto...

tutto il resto è noiaaaa