giovedì 31 marzo 2011

I soliti pregiudizi sulle modelle




Mi arriva una delle tante mail sfacciate su un portale di fotografia.

oggetto

XXX

messaggio


Ti interesano 1500 eu?


allora mi incazzo come una iena e gli scrivo :  ma lei chi è? e 1500 euro per cosa? guardi che detesto le insinuazioni. 


Lui mi risponde


Che insinuazioni, guardi il mio link se ha dubbi ma non faccia affermazioni fuori luogo, mi interessare la sua collaborazione a tal proposito, distinti sal.

(che già cioè una persona che fa una proposta senza presentarsi mah...)


Io.



mi sembra non ci sia nulla di serio sinceramente. Nessun tipo di progetto


o richiesta esplicita e XXX = 1.500 euro 
dài non prenda per il culo. Ce già abbastanza poca gente seria 


Lui


Non mi interessano le scemenze, ripeto: leggere il mio profilo che è tutto ben eslpicato e dettagliato, poi della sua idea offensiva nei mie riguardi, la invito a evitare subito questo tipo di atteggiamento.
Nessuno le vieta di leggere i profili in riferimento a proposte serie e non serie, lavoro permettendo non credo che in termini di serietà si sia scelta il lavoro più rappresentativo a riguardo, ma questo non mi interessa minimamente, è un suo affare se voleva essere seria al 100% poteva sciegliersi di fare la commessa in un negozio per giocattoli o altro, mi scusi ma non amo le istigazioni inutili, chiudiamo il discorso che è meglio dato che non ha i requisiti mentali che richiedo per poter essere presa in considerazione a meno di ricevere da parte sua immediate e sentite scuse.
Ora veda lei, arrivederci.

(hahah come se  a questo gli interessassero i requisiti mentali :)



Vi risparmio a mia risposta finale, sennò rischio di auto-compiacermi troppo :P


Possibile che proprio chi si dice occuparsi di foto sia il primo ad avere simili pregiudizi verso il lavoro di modella? Nel 2011 ancora questi discorsi tocca sentire, che da chi è esterno all'ambiente posso anche perdonare e pensare comprensibili...ma diversamente è proprio da poveri mentecatti mentali. 



giovedì 24 marzo 2011

Weetlook italia


















Il Wetlook è il feticismo  di chi si eccita nel vedere le donne (o uomini) bagnati d'acqua o altro con i vestiti addosso...uno dei wet più famosi possiamo dire che sia la famosa e di tradizione americana "Miss maglietta bagnata". Può essere anche autoreferenziale...ovvero provare piacere nel bagnare sè stessi...
C'era un sito italiano che era weetlook Italia sull'argomento, ma purtroppo come spesso accade non aveva abbastanza utenti, e il tutto è stato trasferito in un sito straniero. dannazione se regge qualcosa che non sia il vaticano qui in Italia.
Quindi ho pensato di mettere anche nel mio forum una sezione dedicata al weetlook, e con grande piacere qualcuno comincia a circolare, è bene che si possa parlare dei propri feticismi anche nella propria lingua accidenti...

se siete interessati trovate la sezione a questo link...



domenica 20 marzo 2011

Un muro di culetti giapponesi





















Ahahah certo che i giapponesi son davvero forti... :) !!

guardatevi questi che vengono schiacciati da un muro di culi !!! una degenerazione del face sitting? ;)


guardatevi il video !

martedì 15 marzo 2011

Laura Antonelli ai tempi di "Malizia"































Ma quanto era bella nel film Malizia ?

Purtroppo dopo una brillante carriera durata troppo poco, mi spiace moltissimo, ho sempre avuto l'impressione che l'Antonelli sia una persona semplice, inghiottita forse in un sistema più grande di lei. 





image

image

image

image

image

image

domenica 6 marzo 2011

Cuckold chi decide cosa

























Diverse volte in rete ho seguita e mi sono imbattuta a leggere storie di coppie cuckold.
Come sappiamo il cuckold è colui che prova eccitamento o fascinazione nel sapere la propria compagna tra le braccia di un altro uomo, (Cuckold deriverebbe dal nome cuculo, e precisamente dall'antico francese "Cocu", cui è aggiunto il suffisso peggiorativo "-ald". Il riferimento è probabilmente al fatto che questo fa in modo che altri uccelli inconsapevolmente prestino il proprio nido e le proprie cure parentali ai propri piccoli.)

Spesso e volentierii cuckold desiderando anche un coinvolgimento emotivo, della propria moglie o compagna, in casi estremi desiderando una gravidanza extraconiugale, al quale lui stesso il cuckold dovrà prendersi la responsabilità di padre, naturalmente nelle fantasie ancora meglio se il figli è evidentemente non suo, quindi magari di una razza diversa l'amante detto in gergo Bull.
Chiaramente le dinamiche di cuckolding sono spesso complesse e si basano su sentimenti contraddittori, quali gelosia, eccitamento, rabbia, devozione, masochismo poi in pratica.

ma che idea mi son fatta in questo tempo?
che fondamentalmente viene spacciato per un sentimento a favore della donna libera quando mi pare più che altro l'ennesimo modo dell'uomo di accontentare le proprie fantasie sessuali.
Rarissime difatti le donne cuckold, e viste malissimo ta l'altro nell'ambiente, con la banale spiegazione da parte degli stessi che "non è nella natura della donna" essere cuckold.
Insomma ognuno giustifica il proprio stato, il dire che la donna zoccola è di natura zoccola e va bene così perché sopra ci si deve fare delle seghe.

Intendiamoci, sono fantasie molto comuni, più di quanto non si pensi, la diffusione conoscitiva ha fatto modo che il fenomeno prendesse un raggio d'azione più ampio, e quindi anche realmente gli incontri di genere si sono realmente estesi, anche se molti si dannò termine cuckold quando non semplici scambisti, ma quando c'è la moda sessuale di mezzo, è come la moda delle borse non ci si può far nulla.

Fondamentalmente la cosa che mi urta è il razzismo da parte dei gruppi di uomini a non considerare il cuckoldismo come un autentica fantasia anche femminile, e il fatto che si spacci come un'evoluzione a favore della donna, cosa sulla quale ho davvero moooolte riserve.
Spesso l'equilibrio si basa sulla lusinga della propria compagna; sul fatto che è ovviamente molto desiderabile da tutti, e dal fatto che l'esibizionismo (condizione insita femminile) lusinghi inizialmente la partner, ma che poi vada a creare situazioni spesso molto complesse nelle coppia, spesso appunto arrivando alla rottura dell'unione.