martedì 9 febbraio 2010

Intervista a Lady Simona, "domina si nasce, non si diventa"

"Domina si nasce, non si diventa" ... Lady Simona Regina, oltre ogni tendenza.

Lady Simona, Simona…hai tenuto il tuo nome di battesimo o un nome d’arte?

E' il mio secondo nome di battesimo.

Credi che la tua volontà diventare una mistress e sia nata da incontri che ti hanno fatto capire questa tua inclinazione o è stata un’evoluzione del tutto naturale nella tua sessualità?

Non lego sesso e di conseguenza sessualità al bdsm e al sadomaso. Sono settori completamente separati e ben distinti, spero che la confusione che ci sia in molti ancora estranei alla cultura di questa filosofia sia presto rieducata. Troppo spesso si confonde il bdsm con il “famolostrano” come dicono tutti in gergo (tutti quelli che ne conoscono bene la distinzione). Per quanto riguarda il ruolo di Mistress, la risposta è semplice, Dominante si nasce, non si diventa. E' una predisposizione caratteriale, che c'è o non c'è.

Se c’è stato, qual è stato l’evento esterno alla tua esperienza che ti ha colpito, e ti ha invogliato a sperimentare varie forme fendom ?

Femdom?Ho sempre visto la donna con caratteristiche molto diverse dall'uomo. Caratteristiche diverse, che a mio punto di vista la rendono più completa e quindi migliore. Parlare di superiorità femminile mi sembra banale e troppo facile Le argomentazioni diventano sterili e rasentano l'assurdo. Io vedo la donna migliore perchè dotata di molti piu' sensori (sensibilità, fragilità, bisogno di comunicazione e confronto) nonché di un tipo di educazione (genetica) che la predispone a non rendersi single (va di moda in questi tempi) ma di formare famiglia. Unico e non da poco la capacità di generare figli. Sicuramente la somma di tutte queste caratteristiche la rende piu’ predisposta alla “sopravvivenza” e quindi ad essere piu attenta e meno sprovveduta rispetto ad un uomo. Sperimento ogni giorno il femdom, anche nella vita quotidiana. E' una realtà che mi piace confermare in ogni momento.

Tu spesso operi con una tua collaboratrice Artemide, come è nata questa conoscenza e questa complicità…?

Artemide è la mia ancella, non da confondere come schiava, il ruolo è molto diverso. L'ancella è una sorta di dama di compagnia, che non “serve” Madame nel senso stretto della parola, se non per suo puro piacere od iniziativa personale, ma collabora con lei, accompagnandola sempre ed ovunque nei suoi spostamenti lavorativi e/o viaggi di qualunque tipo, occupandosi di lei e delle sue p.r /nonchè interazioni con il pubblico. Artemide è per quanto mi riguarda, “tradotto” nel linguaggio di tutti i giorni può essere interpretata come un “braccio destro”, libera di essere e di pensare (sempre nel rispetto della Miss). L'ancella non deve chiedere il permesso di vivere, fare od avere una vita privata. Lei è. E' nato tutto quando ci siamo conosciute, in occasione di un lavoro, sapevamo già dell'esistenza l'una dell'altra, ma non avevamo mai interagito. Abbiamo parlato durante la preparazione al set e nelle pause e con la massima naturalezza è nato tutto. Il bisogno reciproco di affrontare questo percorso insieme.

Questo vostro rapporto non si è mai sviluppato anche in altro, oltre questa intesa “professionale”, non avete mai pensato di vivere come coppia? E se sì, sei bi-sex? e con le donne rispetto agli uomini quel’è la tua posizione psicologica?

E' unicamente intesa professionale, e non ho bisogno di giocare con le parole. Caratterialmente non potrei mai essere compatibile con una persona di indole remissiva, il mio partner puo' essere solo dominante, stare al mio fianco, mai succube, il mio appoggio morale il mio rifugio. Solo realmente di carattere forte, quindi. Vivo quello che la reale concezione della filosofia BDSM, ritengo ci sia molta confusione in merito, creata apposta sull'argomento per fare businness. Non mescolo assolutamente mai quello che è amore e sessualità. Separo molto bene le cose. Lo schiavo/a rimane tale nel suo ruolo, non lo potrei mai vedere come altro. Convivere con Artemide? Direi che non è possibile. Abbiamo due stili di vita completamente diversi, come il sole e la luna? Si, potrebbe essere paragonabile. Completamente opposte. Impossibile. Etero o bisex? Sono di canoni rigidi. L'amore è amore. Non credo abbia importanza quale sesso abbia.

Questa tua attività di mi stress quanto interagisce con la tua vita privata?

Non lavoro come Prodomme, non mi interessa, ho già un lavoro diurno molto impegnativo che mi appaga e mi soddisfa. Sono una Mistress che ha un suo contorno di schiavi per puro piacere e soddisfazione personale. Lavoro come Domina agli eventi, negli show , nelle performances, nell'animazione in discoteca e soprattutto come modella alternativa, molto spesso collaborando con Artemide,. Sono Feticista del latex ed amante del fetish mi piace molto posare e sfilare con queste collezioni che sento molto “mie” quando le ho indossate. Una Mistress lo è 24h su 24h, non credo ci siano orari particolari, come dicevo prima nasce Dominante, la persona rimane integra in ogni sua sfaccettatura sempre. Non ha momenti di “trasformazione”.

E’ una posa più estetica, o anche un modo di vivere?

E' una filosofia di vita. L'estetica, qui parlo dell'abbigliamento (che in gergo viene definito drescode) è un contorno, o un completamento. Dipende.

Hai un compagno? E se sì, come vive questo tuo lato del modo di porti?

Sono stata sposata diversi anni. Mio marito sapeva benissimo come sono, non ho avuto bisogno di ...rivelarglielo, se n'è accorto da solo. Ha sempre vissuto benissimo il mio modo di essere, si è innamorato di Simona, non di due persone, di una unica e gli andava bene cosi. Non ha mai influito ne sulla nostra vita privata ne sul suo modo di rapportarsi a me.

Non mi sento una “diversa” anzi, tutto ciò mi fa sorridere.

E’ facile trovare uomini che vorrebbero legarsi definitivamente ad una donna così domina? Vedo le persone tendere di più all'individualismo piu' che alla coppia stabile. Valori che non hanno più molta importanza, la nuova generazione sta mutando e affrontando modi di vivere differenti. Lo vivo spesso attraverso il mio lavoro. Stare con una domina sicuramente non è impresa semplice, ma sicuramente aspirazione di tanti.

La donna che fa, vede e provvede a tutto (bionica?) ...che dire ...toglie un sacco di problematiche quali per esempio il togliersi completamente responsabilità, decisioni. Perchè lo fa Lei. Mi sbilancio? Fa stare più comodi seduti sulla poltrona.


La gelosia sarebbe tutto sommato una condizione abbastanza naturale…a te fa piacere quando ti viene dimostrata un po’ di gelosia o ti dà fastidio?

Certo che mi fa piacere! Se misurata con intelligenza mi fa sentire proprio al centro dell'Universo!
Di fatto fai la modella, ma attività pratica come fendom lady ne pratichi con privati?

Di fatto sono un medico/psichiatra che lavora anche come modella alternativa, con carriera decennale nel mondo fashion dell'haute couture, esibizionista di natura, ma non troppo egocentrica. Pratico attività fendom con i miei schiavi. Difficilmente ammetto alla mia corte nuovi adepti. Sono estremamente diffidente di natura, cerco la vera indole negli slaves, non quella di comodo.

Non c’è pericolo che un’attività professionale come la tua, possa essere resa poco credibile, da appunto dei pregiudizi rispetto proprio il tuo modo di vivere privato? Non devi difendere la tua privacy in questo senso?

Si, difendo la mia privacy con le unghie. Nella mia sfera personale non deve entrare nessuno. I pregiudizi sono già una presa di posizione direi. Non mi interessa, vivo con coerenza, e tranquillità, credo che siano loro infelici. Se mi mettono etichette problema altrui. Vale sempre “scagli la prima pietra chi non ha peccato”.
Questa volontà di sottomissione così forte verso gli uomini, non nasconde qualche rancore verso l’altro sesso?


Non hai mai avuto un calo di tensione riguardo la dominazione, o al contrario trovi che gli elementi e le situazioni di eccitamento siano sempre più o meno gli stessi? C’è ad un certo punto la volontà di sperimentare e conoscere tecniche diverse, nelle quali si può trovare un grado di eccitazione maggiore?

Sono Dominante di carattere, quindi sempre attiva e decisa. Sperimento le situazioni che mi incuriosiscono di più, ripeto quelle da cui traggo soddisfazione maggiore e non so se può esistere la noia in una filosofia di questo tipo. L'eccitazione maggiore rimane quella di sapere che sono Io che conduco il gioco, solo io, Simona. E fino ad ora il saperlo mi fa crescere orgogliosa sempre un po' di più ogni volta.

Per chi ha questo tipo di interesse legata al bdsm come consigli di ricercare eventuali compagne o compagni di gioco tramite il web o in altri modi?  

Ci sarebbe molto da dire su questo argomento. La via più facile è sicuramente il web, con il rischio molto grande di trovare fakes, ossia persone che sembrano e non sono. Personalmente non ho mai accettato lunghe corrispondenze, preferisco conoscere di persona, mi accorgo subito se è una recita, una maschera indossata, un curioso o una persona vera. Preferisco gli incontri reali, sicuramente agli eventi, alle riunioni e a tutto ciò che ha un tema sadomaso.

Quale pratica di dominazione trovi più eccitante?

La totale dipendenza/bisogno di me.

Fino a che punto ti sei spinta al massimo nelle pratiche bdsm? Pratico il bdsm s.s.c, mi spingo fino a dove so che posso spingermi, consensualmente alla volontà dello schiavo. Tutto il resto si chiama violenza gratuita o tortura sia fisica che psicologica.

E la passione per il latex?

E' un vero feticismo oltre che passione, una sorta di amore verso il dresscode in latex 
 
Per quanto riguarda l’arte fendom, centra anche un gusto estetico dell’essere donna regina della situazione?

Mi sento sempre la regina della situazione, o meglio mi fanno sempre sentire La Regina della situazione.

Cos’è che invece che non ti eccita affatto ?

La volgarità, le cose finte o forzate. Coloro che affetti da delirio di onnipotenza pensano di essere degli “dei” scesi in terra e di poter avere il controllo su tutto, anche sulla vita degli altri. Ho visto certi personaggi (il fenomeno l’ho riscontrato solo in figure maschili) talmente convinti di se stessi, da trasformare il loro ruolo di Master in vere e proprie patologie, spesso irreversibili.

Potresti mai stare con un Master?

Wow, se ne esistesse uno reale...la risposta è si. Non ne ho mai ne visti ne conosciuti (e ho girato parecchio) per cui rimarrà una curiosità anche per me.
L’umiliazione maschile, come la sottomissione dell’uomo dalla donna spesso è voluta da persone che vivono in una posizione sociale agiata, tu hai conosciuto eccezioni? Credi sia una verità o è a prescindere?

E' una forma a prescindere. Ma un discorso molto lungo e parecchio “tecnico” da affrontare in questa sede.

Come speri il tuo futuro?

Ovviamente il meglio!

Come vedi il tuo futuro?

 Costruisco tante cose giorno per giorno, senza guardare troppo avanti. La vita mi ha insegnato tante cose, e cerco di trarne un insegnamento costante.

Una cosa che vorresti dire a tutti’

Vivete, e lasciate vivere. Smettendo di giudicare sempre tutto.

Sito personale : LadySimona

 video slide di Lady Simona

32 commenti:

Icaro ha detto...

"Non lego sesso e di conseguenza sessualità al bdsm e al sadomaso. Sono settori completamente separati e ben distinti, spero che la confusione che ci sia in molti ancora estranei alla cultura di questa filosofia sia presto rieducata."

Quindi quelli come me devono esser rieducati? :-D
Scherzi a parte, bella intervista ;-)

fabrax ha detto...

ma che brava, ha due lavori. Dubito che non sentirà la crisi congiunturale regressa su se stessa

fabrax ha detto...

sembra la cugina carnale di Lady Gaga. Ha una vaga somiglianza

Fetish ha detto...

Adoro Lady Simona, per quello che dice, per come lo dice e per il fascino che emana.. sono contento che vi siate conosciute.

baci
F.

Gisy ha detto...

@ Icaro - beh credo che un pò di confusione in giro ci sia, un bel pò !...sia in chi fa, che in chi ascolta...il problema è voler identificare sempre le cose, i mestieri...anche chi fa foro erotiche non è detto che sia sessuofilo...magari esibizionista ma non sessuofilo.
O anche sì, ma non è detto. IO ho fatto per anni e anni bondage, non mi è mai fregato niente di praticarlo nel privato...c'è chi unisce le cose chi li tiene separate, anche se per chi osserva quando vede un'immagine che lo arrapa, tende a pensare arrapato anche l'immagine del proprio desiderio :)

@ fabrax - E' vero ! un pò ci assomiglia ! Crisi non penso...

@ Fetish - Sì, mi sembrava molto in gamba e molto vera nella propria passione...

:)

modesty ha detto...

la cosa più interessante è che tu ci metta la faccia, nonostante un "lavoro diurno" e tutto quello che ne consegue.

:) love, mod

Lady Simona ha detto...

Sembra un complimento. Che parlno, se devono parlare, che criticano lasciali criticare. Ma quando si guardano allo specchio cosa vedono?

modesty ha detto...

lo è!

...vedono quello che vogliono. quindi pensano di essere felici.

love, mod

Gisy ha detto...

In effetti, è molto leale presentarsi al mondo per quello che si vuole essere\rappresentare.
Spesso al contrario gli slave, anche i più accaniti, come i master, difficilmente se uomini mostrano la faccia !

Marco ha detto...

Ho letto tutto...
che tristezza, mi chiedo come sia possibile non rendersi conto che dietro tutto ciò c'è solo molto disagio...
il sesso e il "GIOCO" sono cose pulite, tutto quello che viene fuori qui dentro ci ha davvero regalato 10 minuti di risate imbarazzanti...

Gisy ha detto...

@ Marco - Non credo che quel "ci" sia veritiero. Perché moltissimi apprezzano.

Uno sceglie come giocare, lo sporco, è in chi vede e giudica, molto più spesso che in chi fa. Lei stessa dichiara tra l'altro che sesso privato e questo suo essere mistress, hanno ruoli distinti.

Si può condividere e no, può sembrare patetico può sembrare una figata, ma è tutto nella testa dell'osservatore, che se in qualche modo giudica, ne è rimasto colpito.

Ci sono varianti del divertimento, dell'esibizionismo, e in questo credo non ci sia nulla di male.
Adulti consenzienti, tutto quello che conta.

Per quanto riguarda i disagi, quelli ce li hanno pure quelli che praticano la posizione del missionario. In ogni caso è Simona che ti risponderà !

Marco ha detto...

Gisy,
sono arrivato qui solo perchè tramite myspace un suo contatto è diventato un mio amico.
Allora ho iniziato a vedere chi fosse questa persona e ho notato questo profilo ricco di immagini che lasciano poco dubbio a fraintendimenti.
Solo per questo motivo sono stato attirato qui e ho letto quello che ho letto...inizialmente non volevo nemmeno esprimermi...e forse cmq ho sbagliato in ogni caso a farlo.
Mi spiace è più forte di me ho sempre trovato noiosi e noiose le persone che desiderano essere trasgressive...penso
che ad una certa età le persone normali debbano avere bambini e quando li hanno pensare a quello...e non farsi penetrare con cazzi di gomma...
questo mi fa tanta pena...ma sbaglierò!

Gisy ha detto...

@ Marco, la verità è che nemmeno io credo nella trasgressione.
Cioè si ha pudore del corpo solo se si ha pudore della mente.

Detta molto esplicitamente a me non frega del bdsm o chissà cosa.
Ad esempio, chi mi conosce da tempo fotograficamente e pensa magari che io centri col fetish, magari perché in passato ho fatto le foto ai piedi, o in bondage, e ai piedi (in bondage no) mi son anche divertita tanto è che faccio diversi autoscatti.
Ma se penso alla mia vita privata non ho fantasie estreme, di questo tipo.

Poi estreme, per modo di dire.
Sicuramente la frigidità dei sentimenti, tanto più dei desideri può spostare altrove l'oggetto del desiderio, delle volte in una linea non ben definita tra ciò che uno pò ritenere sano e non sano.

Possono essere periodi di una vita, ma anch'io spero non sia la vita. La trasgressione, a volte è necessaria per la conoscenza, e son d'accordo che magari è più salutare se sperimentata in tempi debiti.

ma non è giusto giudicare, io trovo divertente osservare, conoscere capire. Pensa che il tradimento è stato così un tabù nella nostra cultura, ed ora va di moda l'essere cuckold, ovvero "cornuti felici" farsi tradire quanto più possibile dalla propria donna.
Impensabile.
Diciamo che tutte queste cose ci son sempre state, inutile negarlo, poi esiste un momento in cui si mostrano pubblicamente, e quel momento può diventare tendenza, influenzare tramite la moda pure i gusti sessuali, e viceversa.

E' un discorso molto lungo, a me piace anche provocare e accendere discussioni. E credo che sia anche la funzione dell'esibizionismo...

Marco ha detto...

Gisy,
ma no ho visto il tuo profilo!!!!
Anche tu hai messo le "robe da porca!"
eccheppalle!
vedi che sei di parte nell'esprimere giudizi!
Anche a me piace leccare, annusare ecc....ma capisci che il voler a tutti i costi esasperare la cosa cambia i contenuti....vabbè

Gisy ha detto...

Forse non ci stiamo capendo...
quella è una parte veramente minima delle cose che faccio, non sono le cose che faccio.
Poi cosa sono le cose porche?

Marco ha detto...

Gisy,
non mi conosci non sai chi sono per cui ovviamente puoi fraintendere il tono delle mie espressioni...più che ragionevole...
Il "da porca" non era offensivo, era solo da marco per intendere quello che può solo essere spiegato quando si capisce l'ironia dell'intendere...
Trovo che tu sia una bella ragazza e il fatto di esporsi con questo come dicevi tu molte righe fa, "da esibizionista" sia ormai una cosa dai tempi passati e come per l'amica qui lattice e dominio una cosa che ha a che fare con un nostro malessere interiore...
non voglio giudicare

Gisy ha detto...

Potrei dire la stessa cosa di me nei tuoi confronti. Cosa ne sai di come vivo?
A parte questo, penso che l'esibizionismo sia ancora un aspetto salutare, un meccanismo di seduzione femminile molto diffuso e naturale. Al di là delle mode è un fatto intrinseco della natura.
poi son d'accordo che certe esasperazione possono risultare ridicole, ma alla fine, cosa importa, si fa del male?
Le cose non son mai passate o non passate, sono del tempo di chi le vive, e se uno decide di viverle probabilmente non le sente né fuori luogo né fuori tempo.
Penso che fare tra l'altro la fotomodella, per me ad esempio che ora lo faccio meno come lavoro, sia una bella esperienza se vissuta bene, e tanta felicità a vedere le foto anche di tanti anni fa...
Ti ricordo che faccio anche altro, e principalmente scrivo. Solo che questo non si nota vero?

marco ha detto...

si che si nota, ma io non sono venuto qui in cerca di confronti su scrittori o cose affine...ho solo commentato una tendenza che trovo sempre più ridicola...quella del sesso a tutti i costi...ho letto ad esempio prima un blog di una sposata che ha l'amante e tutta felice racconta di come si fa scopare ecc di come gode ecc...dio che tristezza...
MI FA DAVVERO UNA GRANDE PENA...oggi davvero la piu grande trasgressione è alzarsi la mattina alle 5 e andare in campagna e zappare la terra...

Gisy ha detto...

Su questo posso essere d'accordo. cioè che la trasgressione è altro.
Forse si divertono e basta, penso che le donne in questo siano molto più consapevoli degli uomini, che credono nella trasgressione molto, ma molto di più.
Se una donna dichiara queste cose, è un'ulteriore forma di esibizionismo. Poi bisogna nche vedere se è la realtà. Sai quì siamo sempre avatar...

marco ha detto...

ho paura Gisy...inizi quasi a starmi simpatica....

Gisy ha detto...

me lo dicono tutti quelli che vogliono provarci heeeeeeeeeee.

anche se non voglio mettere in dubbio tutte le tue più distillate proposte morali !

marco ha detto...

Vedi Gisy...
ecco fatto...la malizia la metti tu...e guarda caso non sono io che scrivo e mi sparo foto di un certo tipo...vabbè cmq avevo detto simpatica, non carina o che mi potevi interessare fisicamente...che palle!
Ma esiste a quest mondo una donna che non pensi con questo lato del cervello?
Io amo la mia donna...non cerco una seconda vita che mi soddisfi...

Gisy ha detto...

Ma guarda che scherzavo.
Via.
se dovessi prendere sul serio tutto quello che mi scrivono e chi mi scrive.

dài dài allra goditi la vita, i blog fatti due risate e ama la tua donna, è la cosa più sana.

Lady Simona ha detto...

@fabrax

Bella la tua icona, molto rappresentativa per quello che vorresti essere!
Come dici nel tuo blog, se anche tu avessi studiato per 12 anni, per due lauree etc, (molto critico in quello che dici...crisi mistica?) e preso specializzazioni difficili forse, e dico forse ora avresti un lavoro che ti soddisfa in pieno.
Come ho già detto vivi e lascia vivere, rispettando tutti. Ossia libero arbitrio.
C'è chi lavora 10 ore al giorno dedicandosi agli altri (se tu avessi capicità di riflessione obiettiva valuteresti tutti i fattori)..e dedicando il fine sett ad un secondo lavoro che è molto di più, una vera e propria passione, quindi nemmeno sentito come lavoro.
Ho già letto i tuoi commenti sul web, riconoscibili perchè esprimono sempre gli stessi concetti..noto che mi stai "osservando" un po' ovunque. Segnale positivo, solo di interesse.
Grazie!
Benvenuto nella comunity

Lady Simona ha detto...

@ Fetish
Grazie. Persone che sanno apprezzare e che vivono in pieno equilibrio la loro vita sono rare.
Lusingata per ogni singola parola che hai postato.

Lady Simona ha detto...

@ Marco
Sai darmi la definizione di "trasgressione" e di "perversione", o "pervertito"?
Possibilmente senza consultare vocabolari, ma solo con pensieri tuoi.

Una volta che avrai capito , e se avrai capito, mi riferisco alle differenze non ti porrai più problemi di risante imbarazzanti.

Il motivo stesso per cui scrivi con assiduità su questo blog già esprime una inconfessabile curiosità.
Ciò è segno che quello che esprimi non è proprio solo quello che pensi.
Ma una domanda vera e propria che stai facendo a te stesso, o anche un coraggio
che ti manca nel rivelare a te stesso desideri mai realizzati.

Ossia: perchè ti poni la domanda se sei già sicuro di quello che sei?
Altro: come mai tramite il contatto di un "tuo amico" (quant'è difficile ammettere la realta (!?!)mi sti leggendo? Anzi ci stai leggendo?

La definizione di "normale" qual'è?
e di "pena"?

Triste è vivere giudicando.

Gisy ha detto...

lady Simona - assolutamente d'accordo con le tue considerazione, chi non prova malizia nemmeno la giudica...
ma qui in Italia sembra molto faticoso questo concetto !
dopo quello che hai scritto poi era ovvio non trovarsi dei commenti !

Anonimo ha detto...

Lady con me le provocazioni non attaccano mi spiace!
Ho detto la verità e ho anche detto che non avrei voluto giudicare ma ovviamente come tutti a volte mi lascio andare e forse sbagliando...
Poi è chiaro mi rendo conto che tutto ciò puo portare a delle reazioni...
siete persone anche voi...

Lady Simona ha detto...

@anonimo

Provocazioni? In Itaia esprimere i propri pensieri viene definito sempre provocazione.
Si, sono una persona , e parecchio pensante. mai detto di essere qualcos'altro.
Se volessi attaccarti (e perche' mai? Che gusto dovrei provare?...)
Non credi che sia tu esattamente al centro del "problema" contiuando molto frequentemente a ripetere la parola "GIUDICARE"?
Da reale atea, ricordo comunque i principi della religione.Uno di questi non dice che ci sono solo due persone che sono in grado di poter dare giudizi?
Provocare...
o nascondersi?
Prima ti firmi co un nome qualunque.
Ora ti nascondi all'ombra di un "anonimo". Paura di esporsi?
Sei al sicuro dietro un monitor.
Qual'è la reale paura?

Lady Simona

Lady Simona ha detto...

@ Gisy

sei tu la vera scoperta piacevole di questa mia esperienza.
Grazie!

Gisy ha detto...

Grazie a te, e per aver movimentato il blog...ce n'è bisogno di tanto in tanto...ma ci si risente...

:)

roberto ha detto...

Mi sa che questi maschi che hanno scritto non la raccontano giusta.......Quel Marco poi con la storia che ama la sua donna e la terra da scavare...Non é semplice procedere ad autoanalisi prima di esprimersi e comunque certe espressioni potrei definirle TECNICHE e chi ci mastica un pò in psicologia seduttiva può conoscerle.Ognuno alla fine decidere di fare ciò che più gli piace. Il problema semmai è RIUSCIRE a farlo , accettandolo senza emettere giudizi su sè stessi e sugli altri