martedì 12 maggio 2009

Non si diventa ciechi

Leggevo qui e là per il web discorsi riguardo la masturbazione, e trovo veramente incredibile l'ignoranza che c'è in giro.
Va bene che oggi i blog li tengono anche ragazzini di 12 anni e magari non si può certo pretendere espongano una visione del mondo più o meno reale, o chissà - però trovo davvero impressionante il fatto che si parli ancora di vergogna o riguardo la masturbazione femminile - o che si associ immediatamente solo a quella maschile .
O ancora queste frasi "sì, le donne lo fanno, ma non lo dicono - sono delle gran porche"
O che si dica che la psicologia umana non è normale, quindi le cose si fanno e non si dicono.
Cioè - allora dal mio punto di vista, è vero che in generale viene "più colpevolizzato" il piacere (fisico) femminile rispetto quello maschile - quindi la masturbazione che è meramente "eseguita" per il solo piacere fisico viene vista in maniera boh "peccaminosa" visto che on ci può essere nessun altro riscontro né procreatore, né di accondiscendenza del piacere maschile.

Davvero preoccupanti alcuni commenti, certo il web come il mondo è uno zavaglio. Poi cosa significa "porca non porca"? - cioè che una che gli piace godere è una porca? beh e se sì, allora? E poi come spesso accade si semplifica tutto, e si ragiona per genere M o F...

Poi esiste dal mio punto di vista la diversa complessità biochimica - ormonale - genitale, che nell'uomo mi pare sia più immediata anche proprio per una conformazione genitale - è lì... :) - e poi il condizionamento culturale che si riversa inevitabilmente anche sull'agire.
Conosco ragazze che effettivamente dicono di non masturbarsi perché non ci riescono, l'unico atto vero per loro è il rapporto con un compagno, perché non riescono all'idea. Son convinta che questa sì sia una deformazione culturale e non biologica - a meno che non ci siano difficoltà organiche - tipo dell'anorgasmia che condizionerebbe il desiderio, ma questo sarebbe riversato anche su di un eventuale partner.

Altra cosa strana che ho notato, che c'è anche chi vive la masturbazione dell'altro (nel caso della coppia) come una sorta di mancanza di rispetto tradimento (minore) naturalmente.
Ma non è così cavoli! La masturbazione è un rapporto intimo con se stessi. E a mio avviso non è certo un torto al partner (come non lo è affatto - ad esempio - il guardare della pornografia). Solo si ha piacere qualche volta di godere di sé, nei propri tempi, nelle proprie fantasie, senza dover rendere conto a nessuno e senza tradire nessuno, pensate voi se questo - nonostante "l'accompagnamento" non fosse possibile.

Io invece personalmente, trovo sopportabilissima l'astinenza fisica proprio per una possibile variante che è quella legata alla masturbazione: naturalmente credo anche in quella necessità sessuale, che nelle donne è - mi pare davvero - meno spiccata rispetto. Con abbastanza stupore invece leggo da un sondaggio che c'è una minima parte circa uguale tra uomini e donne che praticano solo sesso fisico escludendo altre pratiche ad occhio e croce.

Insomma non si diventa ciechi - al limite ci si vede meglio.

3 commenti:

Il Grande Favollo ha detto...

La foto potrebbe indurre fortemente in tentazione...tuttavia continuo a tenere la mano destra sul mouse. Scherzi a parte, non vi è nulla di anormale nella masturbazione. Non credo alle compensazioni causate da insoddisfazione nei rapporti di coppia. Sono dell'opinione, che la "sana pippa", per noi maschi, possa essere uno sfogo per scaricare la pistola. Molti di noi hanno come l'impressione che qualcosa, dopo un certo periodo di tempo, si riempia ed abbia bisogno di essere svuotato. E' una sorta di malessere, di disagio. Per le donne non saprei. Ho affrontato questo argomento con mia moglie e lei mi ha detto che la masturbazione le mette sonno...

Bale ha detto...

mi tocca confermare... all'alba dei 40 e dopo quintali di pippe la mia vista è notevolmente peggiorata...

Gisy ha detto...

@ la masturbazione come ho già scritto è fondamentale... guai se non esistesse l'autoerotismo, e credo per entrambi i sessi, anche se biologicamente forse c'è una necessità maggiore per l'uomo, ma dovuta appunto a fattori ormonali e fisiologici.

Prendere sonno? beh ci vuole come dire più immaginazione, sicuramente che non trovarsi nella situazione già fatta... ma poi quante volte nella situazione "già fatta" si rimanda ad altri pensieri ancora, quando lo stesso sesso reale, può essere a sua volta una sorta di masturbazione?

Il disagio che dici per alcuni uomini credo sia solo un retaggio, un senso di colpa per non aver usato il sesso con una persona, e si sentono insoddisfatti senza la premessa "dell'altro" - allora la masturbazione come surrogato ad alcuni fa sentire poco bene...penso sia tutto qui...

@ bale - fortuna che da ragazzi si ha una buona vista...